CONDIVIDETE , grazie

Share

lunedì 30 gennaio 2017

1-02-2017 Riunione Periodica MDD


INVITO RIVOLTO
a tutti i DISOCCUPATI
di Milano e Dintorni:
TENIAMOCI in CONTATTO
Riunione Periodica MDD 
Mercoledì 1-02-2017
dalle ore 15.00
presso c.so Porta Vittoria 43
Camera del Lavoro di Milano
secondo piano Sala Fiom.
Ordine del giorno:
Discussione sulla Lettera da Presentare
alle Istituzioni di Milano
ed alle Televisioni.

.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano.
Scrivi : movdirdisoccupati(@)libero.it 
.
.

martedì 24 gennaio 2017

Pensioni scuola 2017 : Opzione Donna e uscita 63 anni




Ultime notizie di oggi, 24 gennaio 2017, sulle pensioni anticipate nella scuola:
 indicazioni Miur per Ape e opzione donna e tagli della pensione.

Novità sulle #Pensioni anticipate nella #Scuola con decorrenza al 1° settembre 2017 sono state fornite con la nota del del ministero dell'Istruzione pubblicata lo scorso 19 gennaio: nel dettaglio, le ultime disposizioni riguardano la presentazione della domanda per l'opzione donna, per l'anticipo pensionistico (Ape) e per l'ottava salvaguardia relativa agli esodati. Inoltre, la presentazione delle domande è stata posticipata a martedì 13 febbraio 2017: già in precedenza, la scadenza era stata portata dal 20 gennaio ad ieri, lunedì 23. Non sono, in ogni modo, novità che possono allargare le maglie dell'uscita anticipata dei docenti e del personale ammninistrativo, tecnico e ausiliario: infatti, chi volesse uscire prima da lavoro lo dovrà fare rinunciando ad una grossa fetta di pensione.

Pensione anticipata scuola 2017: le novità su anticipo pensionistico, opzione donna e esodati
Le indicazioni del ministero dell'Istruzione sulla #pensione anticipata con opzione donna sono relative alla presentazione della domanda che dovrà essere formulata dal 27 gennaio al 28 febbraio 2017 utilizzando Istanze on line del sito del Miur. Sono interessate le docenti della scuola e le impiegate che abbiano la data di nascita coincidente con gli ultimi tre mesi del 1958 e che abbiano già provveduto al versamento di trentacinque anni di contributi entro il 31 dicembre 2015. Docenti e Ata, inoltre, potranno accedere alla pensione anticipata come esodati nel caso in cui avessero prestato assistenza a figli disabili gravi prendendo i congendi previsti dal Decreto legislativo numero 151 del 2001 (comma 5, articolo articolo 42). Il campo dei salvaguardati risulta, pertanto, molto ristretto. In ogni modo, la candidatura va presentata all'Ispettorato competente per territorio entro giovedì 2 marzo 2017. Lo stesso Ispettorato comunicherà, successivamente, se si rientrerà in questa categoria.

Pensioni anticipate 2017 scuola: ultime novità e tagli per opzione donna e Ape
Infine, con la pensione anticipata Ape di tipo volontario il personale della scuola avrà la possibilità di uscire da lavoro a partire dai 63 anni pagando, però, dalla maturazione della pensione di vecchiaia (66 anni e 7 mesi) il mutuo a rimborso dell'anticipo pensionistico. Su questa formula di pensione anticipata il ministero dell'Istruzione ha rinviato ulteriori comunicazione al momento in cui saranno emanati i decreti attuativi. Tuttavia, l'uscita con l'anticipo pensionistico comporterà una riduzione dell'assegno di pensione che si aggira nell'ordine del 30 per cento, più o meno lo stesso taglio che dovranno accettare le dipendenti che dovessero andare in pensione anticipata con l'opzione donna. Secondo Marcello Pacifico, Presidente dell'Anief, la decurtazione della pensione si aggirerà tra trecento e quattrocento euro al mese.

.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano. 
Scrivici : 
  movdirdisoccupati(@)libero.it 

 .

Pensioni : Precoci e Q41


ultime news: i lavoratori scrivono al Presidente Inps

Ultimissime novità al 24 gennaio 2017 su pensioni precoci e Q41, per Boeri la manovra scarica i costi sulle generazioni future, i precoci rispondono

Le ultimissime novità al 24 gennaio sui lavoratori precoci e sulla loro richiesta di #quota 41 per tutti arrivano da una lettera scritta e postata poc'anzi dai lavoratori a Tito Boeri. Ieri il Presidente dell'Inps a 'Tutto #Pensioni 2017' del Sole 24 Ore ha detto la sua opinione, poco favorevole, nei confronti delle innovazioni introdotte con la Legge di stabilità. A suo avviso la riforma della Legge di Stabilità scarica gli oneri sulle generazioni future. Dura la replica dei #precoci, che dopo 41 anni di lavoro, non si sentono affatto dei privilegiati, anzi ritengono che la riforma pensioni 2017 sia ancora molto parziale.

Ultimissime novità pensioni, scontro precoci-Boeri: ma quali privilegi?
Tito Boeri nel corso della sua intervista asserisce che la manovra incrementa la spesa pensionistica aumentando la generosità di trattamenti su categorie che hanno già fruito di trattamenti più vantaggiosi rispetto a chi ne fruirà in futuro, dunque le misure correttive in legge di bilancio sono tutte a svantaggio dei giovani. Angelo Mele, uno degli amministratori del gruppo 'lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti' non ci sta ad ascoltare in silenzio tali dichiarazioni e a nome del gruppo scrive al Presidente Inps le proprie rimostranze. Incitando in primis Boeri a rispondere di suo pugno alla missiva, senza delegare il compito ad aiutanti. Poi facendo presente che non può certo essere questo "misero intervento sulle pensioni" a mettere a rischio i conti dello Stato e dell'Inps stessa. Poi nella missiva monta la rabbia di chi pur avendo sacrificato la propria adolescenza e pur avendo alle spalle 41/42 anni di contributi deve sentirsi anche dire che le misure approvate in LdB2017, quindi anche la Quota 41, sono già eccessive. "Credo che ci voglia molto coraggio per esprimere questo concetto", dice piccato Angelo Mele. I problemi del Paese, aggiunge, facendone un elenco: la corruzione, il malaffare, il costo della politica ed il salvataggio delle banche, sono ben altri e non certo i precoci ed i lavoratori che lottano solo per veder riconosciuto il proprio diritto pensionistico.

Pensioni novità, precoci all'attacco: Boeri dice eresie
Concordi i colleghi lavoratori che hanno iniziato a commentare il post del precoce, esausti di sentirsi accusare da Boeri di danneggiare le giovani generazioni, a loro avviso, infatti, è vero il contrario, solo mandando in pensione gli anziani sarà possibile avere nuove leve nel mercato del lavoro. Stesso concetto più volte espresso da Damiano nel suo, ormai noto, motto 'agli anziani la pensione, ai giovani il lavoro '. Proprio Damiano nei giorni scorsi ha cercato di difendere la Riforma delle Pensioni dai diktat dell'Ue, rivolgendosi a Marco Leonardi, consigliere di Palazzo Chigi, per porre al sicuro l'emanazione dei decreti attuativi e scongiurare rinvii. Leonardi ha rassicurato tutti in un'intervista al Corriere della Sera asserendo che entro 2 marzo verranno varati i Dpcm (decreti della presidenza del consiglio). I precoci sperano che venga tutto confermato e che presto inizi la fase 2 del programma di Governo in cui dovrebbero iniziare gli incontri con i sindacati. Il 2017, annunciano, sarà un anno di lotta e manifestazioni, 
l'obiettivo far si che la quota 41 divenga per tutti senza se e ma.

.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano. 
Scrivici : 
  movdirdisoccupati(@)libero.it 

 .

venerdì 20 gennaio 2017

Reddito Minimo in Grecia


 Solo l’Italia Senza Protezione

REDDITO DI CITTADINANZA: ANCHE LA GRECIA E’ PIU’ AVANTI DELL’ITALIA

In una precedente rubrica abbiamo dichiarato: “L’Italia, oltre ad essere uno degli ultimi sette Paesi UE a non avere un salario minimo non ha nemmeno un reddito minimo garantito, in compagnia questa volta della sola Grecia”. Errore. Ce lo ricorda l’Ambasciatore della Grecia in Italia Themistoklis Demiris. “Gli sforzi del governo ellenico”, ha dichirato l’Ambasciatore, “per venire incontro e aiutare il ceto più debole della popolazione si concentrano in quattro settori.

a) un programma pilota che garantisce il salario minimo in due aree del Paese con diverse caratteristiche socioeconomiche. Si tratta di un sussidio di reddito alle persone e famiglie che vivono in condizioni di estrema povertà.

b) La distribuzione di un sussidio sociale, che ammonta a 450 milioni di euro proveniente dal surplus primario del governo per l’anno 2013, a sostegno dei cittadini e delle famiglie a basso redito e con un piccolo patrimonio immobiliare calcolato sulla base di criteri specifici già stabiliti.

c) La distribuzione di ulteriori 20 milioni derivanti dal surplus primario per le persone senza fissa dimora, con una priorità per i programmi o azioni finalizzati a garantire la sistemazione, l’alimentazione e i servizi di previdenza sociale (o assistenza sanitaria) ai senza tetto.

d) L’efficace utilizzo del Fondo Europeo di Aiuti ai più bisognosi economicamente (FEAD). Le ricordo che l’UE volendo diminuire di 20 milioni il numero di coloro che si trovano in pericolo di povertà o di esclusione sociale, ha deciso quest’ anno la creazione di questo Fondo che prevede la distribuzione di 3 miliardi e 500 milioni di euro per il periodo 2014-2020. Secondo i calcoli dell’UE, alla Grecia spettano 249,3 milioni di euro che dovrebbero corrispondere, 
su base annua, a 41,5 milioni di euro.


Grecia, al via reddito minimo garantito per 700mila persone (7% della popolazione)

In Europa è rimasta soltanto l’Italia senza reddito minimo garantito. Persino la Grecia, che versa in condizioni economiche più drammatiche delle nostre, ha approvato questa fondamentale misura di protezione sociale. Entro questo mese partirà il progetto pilota in 13 comuni della Grecia con dei criteri di assegnazione basati sul reddito e sul patrimonio. Il governo greco ha pubblicato sulla gazzetta ufficiale i criteri di assegnazione.

In Grecia si è capito che soltanto una concreta solidarietà sociale può davvero risollevare il Paese. Dal 22 di luglio il Governo greco ha cominciato la discussione sul reddito minimo garantito ed in un mese e mezzo lo ha applicato. Il ministro del lavoro Iànnis Vrùtsis e il sottosegretario Vassìlis Keghèroglu hanno spiegato che il reddito minimo garantito andrà da un minimo di 200 euro a un massimo di 500 euro al mese. Il 17 settembre avrà luogo un incontro con gli amministratori dei comuni in cui avrà luogo la sperimentazione del reddito minimo garantito. Secondo il piano del Governo, entro la fine del 2015 tutta la Grecia usufruirà del reddito minimo garantito. Ma la Grecia non è sola. Anche il governo cipriota ha introdotto il reddito minimo garantito.

Al via ufficialmente in Grecia il reddito minimo garantito, con un’operazione pilota in 13 comuni del paese, mentre nel 2015 sarà estesa a tutte le regioni. L’aiuto finanziario sarà direttamente legato alla situazione economica del beneficiario ed è pari in media a 400 euro al mese per una famiglia con due figli minori e senza altri redditi certificati. I beneficiari saranno 700mila (7% della popolazione) e il fondo va da 850 milioni a un miliardo di euro. La manovra messa in atto dall’esecutivo conservatori-socialisti mira secondo alcuni analisti ad attirare i voti dei delusi verso le forze di larghe intese al governo, in vista di probabili elezioni anticipate a marzo, e togliere terreno al Syriza di Tsipras che i sondaggi danno al 30%, con Nea Dimokratia del premier Samaras solo al 19%.

La Grecia è l’ultimo paese dell’Unione europea ad attuarla. “Oggi stiamo lanciando un moderno strumento di politica sociale che proteggerà i deboli e riabiliterà coloro che rischiano di essere lasciati in disparte” ha detto il primo ministro. Come detto, la misura sarà attuata nelle città di Dramma Edessa, Grevena, Ioannina, Karditsa, Lefkada, Missolungi, Halkida, Kallithea, Tripoli, Samos, Syros e Gazi Creta ed è stato reso possibile grazie alle eccedenze date dagli avnzi primari. L’attuazione dell’istituto sarà basata sulla cooperazione con la Chiesa e le autorità governative locali. Per fornire il reddito minimo garantito sarà necessario esibire il reddito disponibile dell’anno in corso intrecciato con la situazione economica complessiva del richiedente. L’importo varierà da un minimo di 100 euro a famiglia, integrato da altri 100 euro per ogni adulto e 50 euro per ogni figlio, il che significa che in media questo reddito sarà compreso tra i 250 e i 500 euro a nucleo familiare.

Il governo Italiano spende
 64 milioni di Euro al giorno 
per missioni di (pace-guerra)
nel Mondo

Il Movimento per i Diritti dei Disoccupati, si prefigge di portare avanti le istanze dei senza Lavoro, nei 
confronti delle Istituzioni. MDD non è un gruppo virtuale, ci riuniamo periodicamente presso la Camera 
del Lavoro di Milano. Sarebbe importante che si formassero altri gruppi in tutte le province lombarde per 
costituire una Federazione Regionale del Movimento, aumentando così la forza contrattuale dei 
disoccupati in Lombardia. Meglio ancora che si Formassero gruppi in tutte le Regioni Italiane, e 
Costituire Finalmente un MOVIMENTO NAZIONALE per Richiedere il Reddito di Disoccupazione a favore di 
tutti i Cittadini Italiani.


.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano. 
Scrivici : 
  movdirdisoccupati(@)libero.it 

 .

sabato 14 gennaio 2017

18-01-2017 Riunione Periodica MDD


INVITO RIVOLTO
a tutti i DISOCCUPATI
di Milano e Dintorni:
TENIAMOCI in CONTATTO
Riunione Periodica MDD 
Mercoledì 18-01-2017
dalle ore 15.00
presso c.so Porta Vittoria 43
Camera del Lavoro di Milano
secondo piano Sala Fiom.
Ordine del giorno:
Ripresa Attività e programmazione 2017.

.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano.
Scrivi : movdirdisoccupati(@)libero.it 
.
.

lunedì 9 gennaio 2017

Riunione Periodica MDD Mercoledì 11-01-2017



Riunione Periodica MDD 
Mercoledì 11-01-2017
presso c.so Porta Vittoria 43
Camera del Lavoro di Milano
secondo piano Sala Fiom.
Ordine del giorno:
Ripresa attività e programmazione 2017
Apertura Nuovo Anno 
Raccogliere Adesioni al Gruppo
Come Muoversi con le Istituzioni

.



Se sei disoccupato o se conosci dei disoccupati contattaci. 
Ci riuniamo periodicamente in Camera del Lavoro Milano 
- Corso di Porta Vittoria 43 - Sala Fiom 2° piano. 
.

domenica 1 gennaio 2017

Inizia il 2017

Buon 2017 
a Tutti i 
Lettori di Questo Blog




Quali saranno le novità del 2017



Ma vediamo un po’ più nel dettaglio segno per segno.

L’Ariete sarà alle prese con cambiamenti interiori profondi, che potrebbero manifestarsi con decisioni che sembreranno impulsive, ma saranno frutto di riflessioni profonde, maturate dall’aspetto positivo di Saturno in Sagittario. Le finanze andranno sull’altalena, ma nel complesso vi difenderete bene. L’amore chiederà attenzione al futuro, ma sarai ben felice di farlo. Non dimenticarti che ogni rapporto ha bisogno di passione costante...


Il Toro si muoverà concretamente, con attenzione al lavoro, al denaro, a migliorare la propria vita a partire dal benessere materiale ma senza dimenticare quello spirituale ed interiore, come hai imparato nell’anno precedente. Sarà un anno di mantenimento e transizione, almeno fino all’autunno, che inaugurerà una fase di rivoluzione impegnativa ma positiva a trecentosessanta gradi, che si manifesterà con chiarezza da dicembre in poi...


I Gemelli hanno imparato, e impareranno anche nel corso di quest’anno, ad assumersi le responsabilità, a crescere e a non aver paura della profondità e dell’impegno. Quando a dicembre Saturno vi liberà dall’opposizione, dovreste ringraziarlo per tutti questi cambiamenti! Con il sostegno di Giove e Urano, la professione, anche se faticosa, produrrà ottimi risultati. L’amore? Ricordate quanto detto su Saturno: impegno e responsabilità, e decollerete senza più incertezze...


Il Cancro sarà alle prese con profondi cambiamenti, che a volte potrebbero non essere facili, specie se non saranno voluti. Dovrai essere elastico, duttile, e vedrai che riuscirai a trarre il meglio da quello che famiglia, lavoro e vita personale ti chiederanno. Ad ottobre con l’ingresso di Giove in Scorpione il tuo atteggiamento interiore muterà, e, soprattutto, le finanze torneranno a girare. Da dicembre, Saturno chiederà attenzione e concretezza per il cuore...


Il Leone sarà tra i più raccomandati: fino ad ottobre, caro amico, il palcoscenico sarà tuo. Potrai mettere a segno risultati di spicco nel lavoro, migliorare le finanze, vivere la vita affettiva che hai sempre sognato oppure raggiungere i traguardi personali che ti stanno a cuore. Sii meno spericolato con l’amministrazione dei guadagni da ottobre 
e vedrai che Giove in Scorpione ti farà un baffo, anzi, due...


La Vergine sarà indecisa, se rimboccarsi le maniche o rimanere alla finestra. Il tuo umore infatti andrà ad alti e bassi, e le tue faccende, da quelle pratiche lavorative a quelle affettive, potrebbero oscillare di conseguenza. Rifletti con attenzione sui cambiamenti da attuare: da ottobre inizierà un periodo molto buono, che il passaggio di Saturno in Capricorno siglerà senza più incertezze. Evviva...


Bilancia alle prese con situazioni positive, stimoli al cambiamento e qualche dubbio, ma nel complesso non ti potrai lamentare, soprattutto se eviterai cocciute prese di posizione o gesti e scelte impulsivi. Sii riflessiva, concreta, attenta: con Saturno a favore per quasi tutto l’anno non sarà difficile! Ricordati che a dicembre lo stesso Saturno inaugurerà un periodo meno leggero per te, quindi sarà meglio farti trovare pronta...


Lo Scorpione dovrà sudarsi tutti i risultati che desidera. Tuttavia, non sarà un anno sfavorevole, quanto un anno di preparazione ai grandi successi che partiranno dall’autunno e che continueranno da dicembre in poi. Rifletti su che cosa vuoi ottenere dalla vita (e  vale per lavoro, amore, privato, tutto) e prepara il terreno: dopo procederai più in fretta e il podio sarà tutto tuo...


Il Sagittario vivrà una stagione molto buona per lavoro e affari, per denaro e vita pratica. Solo l’amore ti farà sospirare, con qualche ritardo o qualche imprevisto, ma anche per il tuo cuore vedrai che ci sarà un sereno lieto fine. Le stelle ti consigliano di essere chiaro e diretto con i familiari: una questione potrebbe turbarti, ma la risolverai in fretta se instaurerai subito una buona comunicazione...


Il Capricorno non mollerà mai. Purtroppo questi anni sono stati impegnativi, e hai imparato a contare prima di tutto su te stesso e sulle tue forze. Ma hai imparato bene, e anche nel 2017 te la caverai niente male nonostante gli ostacoli, che saranno soprattutto di natura pratica ed economica. E da ottobre le stelle finalmente premieranno il tuo impegno: la stabilità è in arrivo! Non dimenticarti dell’amore: il tuo cuore ha sete di profondità, 
non lasciarlo senza l’acqua delle emozioni che desideri...


L’Acquario sarà al top dei top per buona parte dell’anno. Tra Giove e Saturno l’ambito professionale, pratico ed economico ti riserverà grandissime soddisfazioni. Metti a frutto i doni della fortuna e delle stelle e non perderti in chiacchiere: un anno così non capita spesso e in autunno la ruota potrebbe girare. L’amore andrà ad alti e bassi, con sorprese eccitanti alternate a situazioni più stabili...


I Pesci saranno alle prese con un anno impegnativo, e dovranno avere ancora pazienza. Il 2017, però, sarà più scorrevole del 2016, e ad ottobre inizierai a vedere concretizzarsi i risultati lavorativi e finanziari per i quali hai lottato da tantissimo tempo. E da dicembre la tua situazione finalmente si stabilizzerà, regalandoti una chiusura d’anno all’insegna della speranza e del sorriso...




Per un analisi congrua e coerente occorre necessariamente conoscere la propria Carta Astrale Natale che è la Fotografia Celeste di ogni elemento astrale presente sulla Mappa Astrale al momento della propria nascita.
PER CHI FOSSE INTERESSATO
ECCO DOVE SI PUO'
AVERE LA CARTA ASTRALE
.
COSA TI PORTA IL 2017 ?



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari